Le 10 regole per un curriculum perfetto

 

Un curriculum vitae perfetto deve essere di facile lettura e comprensione, della giusta lunghezza e deve contenere solo informazioni vere. Vediamo le 10 regole per crearlo:

  1. Foto

La foto è essenziale, meglio inserirne una professionale, che sveli chiaramente il volto. No a foto scattate durante le vacanze o in situazioni poco professionali.

  1. Data di nascita

Comunicare i propri dati personali è indispensabile. Vanno inseriti in alto o in calce al cv, dove siano indicati i contatti telefonici, e-mail (meglio se professionale ossia nome e cognome). Mai dimenticare la propria data di nascita: è fondamentale per un datore di lavoro che vuole come prima scelta assumere una persona rientrante in una determinata fascia di età. Inoltre, è fondamentale se il selezionatore vuole ricorrere a specifici contratti di lavoro e/o incentivi.

  1. Social network

In un mondo sempre più influenzato dai canali social, un buon cv è quello in cui vengono indicati anche i propri profili di questo tipo.

  1. Professione desiderata

Importante indicare la posizione professionale desiderata. Questa indicazione rappresenta la chiave di lettura del curriculum poiché il racconto della propria storia formativa e professionale dovrà apparire come un percorso coerente svolto per raggiungere l’obiettivo indicato.

  1. Lunghezza

Un ottimo curriculum non deve essere nè troppo corto, nè troppo lungo, 2-3 pagine sono l’ideale. Bisogna essere chiari, precisi e sintetici. Non siate troppo telegrafici o darete l’idea di non aver nulla da dire. Ma nemmeno troppo prolissi: annoiereste e dimostrereste di non saper distinguere le cose più importanti dalle meno rilevanti. Ma soprattutto, dite la verità.

  1. Istruzione e formazione

Bisogna sempre iniziare dai titoli e dalle esperienze più recenti. Quando si descrive un percorso scolastico o universitario, si potrebbero segnalare a grandi linee le materie e gli insegnamenti caratterizzanti il corso, le competenze acquisite e la relazione tra quanto appreso e quanto utile in un futuro contesto lavorativo.

  1. Esperienze professionali

Andranno anche esse raccontate cronologicamente a ritroso (dalla più alla meno recente) e accorpate tra loro se numerose e di breve durata. Le esperienze di lavoro verranno descritte indicando sia le mansioni svolte (cioè cosa si è fatto) che le competenze (cosa si è imparato a fare).

  1. Competenze (meglio se certificate)

Le competenze costituiscono la parte che più interessa alle imprese. È bene indicare quindi, nell’ordine le competenze:

  • professionali e tecniche
  • linguistiche
  • comunicative
  • relazionali
  • organizzative

Ove possibile occorre precisare le certificazioni che confermano l’acquisizione di tali competenze (specie se informatiche o linguistiche).

  1. Pensate al destinatario

L’invio del cv non deve essere standardizzato, al contrario deve essere personalizzato a seconda del tipo di lavoro per cui ci si sta proponendo e del destinatario a cui lo si indirizza.

  1. Ricontrollare

Refusi o errori sono assolutamente da eliminare: è necessario ricontrollare più volte il cv, prima di inviarlo. Un documento con errori o imprecisioni è sinonimo di mancanza di attenzione e di superficialità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu